Come risolvere i propri conflitti interiori e superare l’indecisione

Come risolvere i propri conflitti interiori e superare l'indecisione
Tempo di lettura: 4 minuti

Come risolvere i propri conflitti interiori e superare l'indecisione

Decisioni da prendere, scelte da fare… ma che insicurezza!

Ogni giorno siamo sottoposti a tante possibilità di prendere delle decisioni: vuoi perché siamo inondati da nuove informazioni, o perché l’accesso alla conoscenza è sempre più semplice e siamo in grado di ampliare la nostra visione del mondo, fatto sta che sul momento di prendere delle scelte viviamo sempre più dei conflitti interiori.

Non è sempre facile capire quale strada percorrere di fronte ad un bivio… specialmente quando vanno in direzioni totalmente opposte. Ci avviciniamo ad un percorso, facciamo qualche passo in avanti, ma allo stesso tempo una forza contraria ci trattiene e ci tira indietro.
Lo scontro tra forze opposte creano dentro di noi inibizione: siamo lì, bloccati in una situazione a pensare, a riflettere, a rimuginare, disperdendo grandi quantità di energia, risorse e tempo che non torneranno più indietro.

È questo, quindi, il tema che affronteremo oggi per capire come risolvere i conflitti interiori e come combattere l’insicurezza. Puoi guardare il video o ascoltare il podcast alla fine della pagina, oppure continuare semplicemente a leggere.

Le forme di indecisione che viviamo

Ci troviamo in una situazione di conflitto interiore ogni volta che dobbiamo scegliere se abbandonare il nostro contesto attuale di lavoro per una proposta che ci sembra migliore, se terminare la nostra relazione di coppia che portiamo avanti da tempo per andare alla ricerca del nuovo, di qualcosa che ci permetta di esplorare la nostra identità.

Se riduciamo all’osso queste due scelte, la decisione è tra la possibilità di mantenere un contesto a cui già si appartiene e che per rappresenta stabilità e sicurezza, oppure abbandonare tutto per andare alla ri-scoperta della propria identità, rimettersi in gioco ed esplorare il nuovo.
Va da sé che venirne a capo è veramente difficile! A cosa possiamo affidarci?

Un’opzione potrebbe essere la mente con il ragionamento, ma qui entrano in gioco i pensieri automatici, limitanti, le convinzioni che vanno a boicottare i qualsiasi riflessione. La mente mente, e in questi casi non risulta affidabile.
Proviamo allora ad affidarci all’emotività: le emozioni ci danno dei segnali importanti sui nostri bisogni, sulla nostra direzione. Ti sfido però a prendere una decisione nel momento in cui stai attraversando un periodo difficile e vedi tutto nero con pessimismo. Il tuo focus sarà sulle problematiche e non sulle possibilità; anzi, quando ti si presenterà l’occasione di scegliere non sarà per te una svolta ma addirittura rappresenterà una tortura.
Proviamo ad affidarci allora agli amici, a chiedere consiglio a familiari e parenti. Anche chiedere loro un suggerimento non è la migliore strategia perché ogni persona esterna ha un tipo di coinvolgimento diverso, anche nullo in alcuni casi, e ti darà il proprio punto di vista secondo le proprie esperienze (o in alcuni casi secondo i loro desideri repressi che non hanno avuto il coraggio di seguire).

Allora, che cosa fare?

Concentrati sulla tua parte spirituale: i valori

Occorre spostare questo ragionamento in una zona in cui non ci sono conflitti. Muoversi, cioè, nella parte più intima di sé: la parte spirituale rappresentata dai propri valori. Essi sono il nostro pilastro portante, ci danno la direzione da seguire e sono inattaccabili. Sono quegli aspetti che difendiamo a spada tratta nel momento in cui provano a violarli dall’esterno, ad attaccarli e calpestarli.

In un testo intitolato “Il cammino dell’uomo” di Martin Buber, viene ripreso un passo biblico in cui Adamo riceve la chiamata di Dio, una domanda in cui esprime “Dove sei?”.
Può sembrare contraddittorio poiché nella Bibbia viene descritto un Dio onnisciente, ma in realtà è proprio una provocazione: un richiamo nei confronti di Adamo alle sue radici più profonde, alla propria condotta più autentica per invitarlo a smettere di nascondersi dietro delle giustificazioni o delle maschere.

Mi fa venire in mente un racconto di un amico che mi fece tanto tempo fa e che mi disse: “Quando eravamo più giovani io e la mia famiglia ci siamo spostati verso il nord a Milano per un’occasione lavorativa. Allora stavamo vivendo con un tenore abbastanza sostenuto, frequentavamo ambienti di un certo tipo ma ad un certo punto, guardandoci in faccia, ci siamo detti: è questo lo stile di vita che vogliamo mantenere? Sono questi i valori che vogliamo inseguire?”

Ecco, questa situazione li mise in crisi e per risolverla dovettero tornare alle proprie origini, riesplorare le cose per loro più importanti e riallinearsi. E in questo modo avere una condotta di vita che li ha resi felici nel tempo.

Torna alle origini, fa’ riemergere i tuoi valori

È questo il messaggio che voglio invitarti a seguire: riscopri le tue origini per ritornarvi e riportare alla luce i valori con cui allinearti: seguire cioè una condotta coerente, sia nel pensiero che nel sentire e nell’agire, con la tua spiritualità. Crea poi, intorno a te, un contesto a sua volta coerente.
Vedrai che i tuoi valori saranno quelli che ti daranno la direzione da seguire e dentro di te si formeranno immagini nuove. inizierai a immaginare nuove forme, nuove figure del tuo futuro e il tuo sforzo nel prendere delle decisioni si ridurrà. Sarà minimo, perché proprio queste immagini prenderanno decisioni al tuo posto e ti suggeriranno automaticamente la strada da seguire

Anzi, in alcuni casi quello che ora ti sembra un bivio in futuro non sarà neanche preso in considerazione perché in considerazione non sarà presa un’opzione alternativa. Seguirai dritto per la tua strada.
Ci sarà in questo modo la paura? Ci saranno le preoccupazioni? Certo, perché fanno parte del gioco. Ma non saranno più dovute al conflitto interiore, bensì saranno delle resistenze da poter superare. Quando vai verso una meta, la strada spesso è isolata, fa deserto attorno a sé e spesso ti ritroverai a percorrerla da solo.

Se però vuoi avere un sostegno giornaliero nel tuo percorso, mandami un messaggio Whatsapp al 3293211971 con scritto la parola “Consiglio” per unirti al nostro training sulla gioia e ricevere gratuitamente ogni mattina un messaggio con uno spunto o uno stimolo per migliorare la tua vita.

Ascolta “Come risolvere i propri conflitti interiori e superare l’indecisione” su Spreaker.

Come risolvere i propri conflitti interiori e superare l’indecisione ultima modifica: 2018-06-05T12:59:21+00:00 da Sebastiano Dato
Sebastiano Dato
Sebastiano Dato
Counselor di indirizzo Gestalt, Coach Professionista e Formatore. Aiuto le persone a sentirsi nel proprio posto nel mondo, accompagnandole in un percorso di scoperta delle loro potenzialità al servizio dei loro obiettivi.