Come svuotare la mente dai troppi pensieri

Tempo di lettura: 3 minuti

L’articolo in sintesi

Quando si è travolti da mille pensieri in testa, la mente si appesantisce e fa sentire ansiosi e sopraffatti.
Alleggerire la mente e svuotarla dai troppi pensieri è però possibile. Come? Imparando ad ascoltare le tue emozioni e ciò che ti vogliono comunicare; smettendo di chiederti i “perché” degli eventi, a favore di “cosa” e “come”; dedicandoti uno spazio in cui nutrire pensieri di bellezza.

Quando la nostra mente si riempie di pensieri va ad una velocità tutta sua e può essere difficile starle dietro, sia fisicamente che emotivamente. Inconsciamente, è come se iniziassimo a rincorrerla, e questa rincorsa provoca ansia: i pensieri diventano così tanti che è difficile metterli in ordine, dar loro una priorità e collocarli. 

Succede anche in situazioni di calma e rilassatezza, come durante una cena con degli amici. La testa parte, viaggia a mille vagando tra pensieri come “non sono abbastanza”, facendo sentire inadeguati rispetto agli altri.

L’ansia prende il sopravvento e non ti fa godere la serata.

Come alleggerire la mente dai troppi pensieri?

Alleggerire la mente è possibile, anche quando i pensieri sono troppi e ti sembra impossibile vivere la calma.

1. Ascolta le tue emozioni e diventane consapevole 

Il primo punto per alleggerire la mente è stare con ciò che senti, senza respingerlo o mutarlo.
Ascolta le tue emozioni, anche l’ansia, e impara a distinguere da dove arriva il tuo sentire: 

  • è un sentire che arriva da uno stimolo esterno, presente nel qui e ora?
  • o è un sentire distaccato dal contesto, rievocato da un’esperienza passata o, al contrario, proiettato nel futuro?

È questo che devi comprendere, prima di ogni cosa, portando così consapevolezza al tuo sentire. Ragionare sulle tue emozioni serve proprio a questo: a dare significato a ciò che succedendo dentro di te.

Ecco tre domande che ti aiuteranno ad ascoltarti e a prendere consapevolezza delle tue emozioni:

  • “Da dove viene ciò che sento?” Riconosci se le tue emozioni si attivano in relazione 
  • “Cosa mi indica?” Cosa ti sta comunicando il tuo sentire?
  • “Quale bisogno sto contattando?” Le tue emozioni ti dicono di cosa hai bisogno. Se provi preoccupazione per un colloquio di lavoro, magari hai necessità di ricevere sostegno e incoraggiamento (e non di prepararti all’infinito).

2. Smetti di pensare al “perché” delle cose

Quando ti ascolti, una tentazione potrebbe essere quella di appesantire la testa continuando a chiederti “perché?”.

Perché mi succede tutto questo?
Perché proprio io? 
Perché non riesco? 

Ecco, smetti di farlo: il tuo cervello, ricevuto tutto questo carico di domande, andrà alla ricerca delle risposte e lo farà per logica: “ti succede tutto questo perché sei sfortunato, sei un buono a nulla, non capisci niente”.

Sostituisci il perché con il cosa e il come:

Cosa sto pensando?
Cosa sto sentendo?
Come posso agire adesso?
Di cosa ho bisogno e come posso soddisfarlo?

Fare leggerezza significa questo: rendere tutto un po’ più fluido. 

3. Alleggerisci la mente mettendo pensieri di leggerezza in testa

Ultimo ma non meno importante: metti cose belle nella tua testa. La tua mente ha bisogno di nutrirsi di leggerezza, di uno spazio da dedicare ai tuoi desideri e a ciò che ti fa star bene.

La musica, l’arte, lo stare all’aria aperta, le tue amicizie, le tue relazioni con gli altri, le tue passioni: metti nella tua mente e nella tua vita uno spazio tutto per te, senza alcuno scopo se non quello di goderne.

In conclusione

Ricapitolando, come puoi alleggerire la tua mente?

  • Comprendi da dove vengono i tuoi pensieri.
  • Chiediti meno perché e più cosa e come (provando anche a condividere, per alleggerirti).
  • Metti in testa pensieri di bellezza, perché i pensieri buoni esistono: vanno però coltivati. 

Se il mio articolo ti è stato d’aiuto, guarda anche il video di approfondimento o ascolta la versione podcast. 

Inoltre, so che alleggerire la mente a volte può essere complicato, specialmente quando troppi pensieri prendono il sopravvento. Se desideri, posso aiutarti nel mio percorso 3 Mesi Per Affermarti. 
Puoi visitare la pagina del percorso per ascoltare le storie di cambiamento dei miei allievi, e se senti che risuonano con te puoi candidarti alla prima chiamata gratuita di 30 minuti in cui capiamo se possiamo iniziare questo cammino insieme.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Sebastiano Dato

Sebastiano Dato

Ho già aiutato centinaia di persone sensibili verso gli altri a sbloccarsi e aumentare l’autostima, per centrarsi su di sé senza sensi di colpa, affermarsi nelle relazioni e sentirsi riconosciute e gratificate.

Rispondi