Insicurezza e Bassa Autostima: come superarle

Tempo di lettura: 3 minuti

Sei cintura nera nel riconoscere i pregi degli altri, ma ti senti un disastro quando si tratta della tua autostima?

L’articolo in sintesi

L’autostima non è altro che l’insieme dei pensieri che hai di te. Spesso ci si identifica con essi, e da questo dipende la bassa autostima.
Impara invece a sospendere i tuoi pensieri, accogliendoli ed accettandoti per la persona che sei.

Insicurezza e bassa autostima: come superarle?

Fino a qualche anno fa, la bassa autostima era la mia sorellastra cattiva. Mi sentivo insicuro, e per questo ero quello silenzioso nei gruppi che aveva paura a dire come la pensava, che studiava fino a tardi e si mangiava le unghie per lo stress, che cercava di non fare nulla di sbagliato ma si sentiva lo stesso inferiore agli altri.

Sapevo però vedere il bello negli altri, anche quando loro non lo vedevano. Mi piaceva incoraggiarli, pensare a loro in chiave positiva, ma ero una frana quando si trattava di me.

Volevo sentirmi più sicuro, ma all’atto pratico non sapevo cosa fare. L’autostima mi sembrava un’entità astrale impossibile da raggiungere. Tutti ne parlano, ma come si aumenta davvero?

Che cosa è l’autostima e qual è la sua definizione?

Sappi che l’autostima non è altro che un giudizio di valore che ogni persona da a sé stessa.
E cosa sono i giudizi se non semplici pensieri?

L’autostima è quindi la serie di pensieri che dedichi a te.

La bassa autostima dipende dalla bassa qualità dei pensieri che nutri verso di te, con cui finisci per identificarti.

No, adesso non partirà il solito spiegone sui pensieri positivi.

Come superare la bassa autostima?

In una sessione una mia cliente, Stefania, non riusciva a immaginare un futuro felice. Ogni volta che provava a pensare ad una vita diversa si diceva che era troppo poco brava/bella/interessante per realizzarla.

Provava a scacciare via quei pensieri, e più lo faceva più tornavano.
Lottare contro i propri pensieri è infatti una guerra persa, già in partenza.

Ci sono due passaggi che devi fare se vuoi superare la bassa autostima:

  1. Accogli i tuoi pensieri, e sospendili (soprattutto i giudizi). Non dar loro retta, perché tu non sei i tuoi pensieri. Osservali invece, dà loro l’attenzione che richiedono e accompagnali con gentilezza alla porta dicendo “Grazie, non è il momento!”. Quando lo fai, torna nel presente guardandoti intorno, ascoltando i suoni del luogo in cui ti trovi, i profumi e le sensazioni del tuo corpo.
  2. Accetta qualsiasi pensiero, sia quelli positivi che negativi, senza lottare contro di essi. Quando ti giudichi, puoi aggiungere alla fine la frase “… e vado bene così come sono”.

    “Sono brutto… e vado bene così come sono”.
    “Sono incapace… e vado bene così come sono”.
    “Sono generoso… e vado bene così come sono”.

Quando Stefania ha osservato i suoi pensieri e li ha sospesi, sono sparite subito la vergogna e l’agitazione che stava provando. Si è sentita calma.

Più serena, è riuscita a pensare a cosa le piace di sé e a vedersi più bella e forte, senza più interrompersi per giudicarsi.

Perché è questa la base dell’autostima: accettarti nelle tua forza e nelle tue fragilità.
Insieme ad esse tu vai già bene.

Nel percorso che faccio con i miei clienti, questo è una delle tappe fondamentali. Facciamo in modo che i pensieri non influenzino più l’autostima.
Se vuoi, possiamo lavorarci insieme. Puoi candidarti alla prima chiamata gratuita di 30 minuti in cui capiamo se possiamo iniziare questo viaggio insieme.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Sebastiano Dato

Sebastiano Dato

Ho già aiutato centinaia di persone sensibili verso gli altri a sbloccarsi e aumentare l’autostima, per centrarsi su di sé senza sensi di colpa, affermarsi nelle relazioni e sentirsi riconosciute e gratificate.

Una risposta

Rispondi