Come fare la scelta giusta e non avere rimpianti

Tempo di lettura: 3 minuti
Come fare la scelta giusta e non avere rimpianti Sebastiano Dato blog

Impara a fare le scelte giuste… per te!

  • Chiediti che persona vuoi essere
  • Costruisci più di due possibilità, chiedendo alle persone che stimi o immaginando cosa farebbero al posto tuo
  • Prototipa e diventa uno sperimentatore

Diciamoci la verità: ognuno vorrebbe avere la sfera di cristallo per capire quali sono le scelte giuste. Purtroppo non è possibile, e molto spesso ci si blocca proprio nel valutare le decisioni che bisogna prendere. Si considerano i pro e i contro, i vantaggi e gli svantaggi; anche se questo ragionamento da idea di quale sia la scelta giusta, allo stesso tempo blocca, porta a rimandare o fa sì che siano le circostanze a portare a una decisione.

1:29 – Quando non stiamo bene con noi stessi perché non abbiamo controllo del nostro potere personale, anche le altre persone vivono di riflesso i nostri rimpianti. Scopriamo allora quali sono i punti da seguire per prendere la decisione che per te è la più corretta e che rispecchia ciò che sei come persona e ciò che vuoi diventare.

Puoi vedere il video di seguito o ascoltare il podcast in cima alla pagina.

Ascolta “Come fare la scelta giusta e non avere rimpianti” su Spreaker.

Di seguito un riepilogo con l’indice del video-podcast.

La paura di sbagliare ti blocca

2:50 – Il blocco risiede nella paura di fare errori. Quando devi scegliere o prendere decisioni, incombe la paura di fare la scelta sbagliata accompagnata da pensieri sul futuro non sempre felici. Se ad esempio vorresti terminare un rapporto lavorativo, una vocina in testa ti dice: “Non ne troverai più un altro!”.

È naturale voler chiedere consiglio a qualcuno, ma i suggerimenti esterni non sempre coincidono con ciò che faresti tu se ascoltassi i tuoi valori e i tuoi obiettivi per il futuro. È così che un “consiglio” diventa una scelta sbagliata proprio perché non ti rappresenta.
Bisogna imparare a convivere con la paura, essere centrati per non lasciarsi frenare ma, al contrario, agire nonostante la paura. Come fare e come prendere la strada giusta?
Vediamolo in 3 punti.

1 – Quale tipo di persona scegli di essere?

5:23 – Il primo punto è chiederti che tipo di persona vuoi essere. Sapere che leader, genitore, figlio o collega vuoi essere ti aiuta a dare senso alle cose e capire quali sono le tappe da attraversare e, ovvero le scelte da compiere.

2 – Stai considerando tutte le opzioni?

9:06 – Non esistono solo due possibilità di scelta. Molto spesso si prendono in considerazione le risposte più ovvie e le soluzioni di cui si è già a conoscenza, ma che probabilmente non sono le uniche! Occorre attivare il proprio pensiero creativo per costruire la terza, la quarta, persino la quinta strada.

10:29 – Come fare? Chiedi! Non c’è modo migliore di scoprire novità che il confronto con persone che per te hanno un ruolo importante, nella vita o nel tuo campo professionale. Un manager che stimi, un leader appassionato o un formatore d’ispirazione possono raccontarti la loro esperienza nella tua medesima situazione, permettendoti di cogliere l’intera gamma di sfumature tra una scelta e l’altra.

11:29 – Se nessuno ti è d’aiuto, usa l’immaginazione! Prova a immaginare cosa farebbero al posto tuo almeno tre persone per cui nutri profonda stima, conosciute o sconosciute. Scrivi le varie soluzioni su un foglio e se non avrai posto limiti, il tuo repertorio sarà ricco.

3 – Prototipa, sperimenta e scopri

13:07 – Avere una direzione poco importa se non la si percorre. Per capire se una scelta è giusta o sbagliata hai bisogno di provare sulla tua pelle che cosa ti fa sentire, quali sono le emozioni che ti fa provare.
Tieni per un periodo di tre settimane un diario in cui prototipi le scelte che senti più vicine, vivendo le tue giornate come se già le stessi mettendo in pratica. Come se fossi già la persona che saresti dopo aver compiuto la scelta.

Appunta cos’hai sentito, quali sono i pensieri che hai fatto, quali le immagini che hai immaginato, e alla fine del periodo di prototipizzazione rileggi il tuo diario per comprendere se quella è una scelta che ti rappresenta e se puoi metterla in pratica.

Conclusione

Non devi avere paura di fare la scelta sbagliata. Il giusto mindset, invece, è quello di uno sperimentatore che si distacca dall’idea di perfezione per abbracciare la bellezza degli errori e delle scoperte.

Ameresti superare la paura di sbagliare attraverso un percorso focalizzato e in breve tempo? Fissa la prima chiamata di svolta gratuita con me e se ci sarà affinità ti spiegherò come funziona e cosa faremo insieme.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Sebastiano Dato

Sebastiano Dato

Counselor di indirizzo Gestalt, Coach Professionista e Formatore. Se senti che le tue relazioni in famiglia o sul lavoro sono sbilanciate, ti aiuto ad avere gli strumenti per affermarti e costruire relazioni sane e felici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *