Imparare ad Ascoltare
Tempo di lettura: 2 minuti

Imparare ad Ascoltare è un buon inizio per migliorare la Comunicazione e le Relazioni

Imparare ad Ascoltare

Se mi chiedessero qual è la chiave per risolvere i problemi relazionali… anzi, per risolvere le più importanti questioni che appartengono alla società moderna, avrei una sola risposta: Imparare ad Ascoltare.

Crisi dei valori? – Imparare ad Ascoltare
Depressione economica? – Imparare ad Ascoltare
Giovani disorientati? – Imparare ad Ascoltare
Stitichezza? – Imparare ad Ascoltare 🙂

Ironia a parte, Imparare ad Ascoltare (se stessi e gli altri) porta vantaggi alla propria vita e alle relazioni, purché sia un’azione che parte dalla volontà individuale.

Esiste una differenza tra i verbi “sentire” e “ascoltare”: mentre il primo indica un’azione involontaria dovuta all’attivazione dell’apparato uditivo, il secondo rappresenta un’attività volontaria che coinvolge tutti i sensi e implica attenzione, osservazione e partecipazione emotiva.

Saper ascoltare è un’arte che permette di comunicare ed entrare in relazione con l’altro. Non significa solo porre attenzione alle parole, ma trasmettere chiaramente la disponibilità ad accogliere, entrando in empatia ed evitando di aggiungere interpretazioni e giudizi.

Imparare ad Ascoltare: quali sono i Vantaggi?

Alla fine di un vero Ascolto,
nessuno è come prima.

  • Finestra sul mondoestendere i tuoi orizzonti e di arricchire il tuo punto di vista. Immagina di avere la possibilità di aprire un’infinità di finestre da cui ammirare la bellezza del mondo che ti circonda. È proprio questo l’effetto dell’ascolto: godersi la vista da una prospettiva diversa.
    Ogni individuo ha molto da dire e da raccontare. Che peccato sarebbe perdersi tutto questo e rinchiudersi nel piccolo della propria visione della realtà…
  • Imparare ad ascoltare permette la possibilità di emozionarsi. Pensa ad un film che hai visto e che ti ha commosso: oltre alla bravura degli attori e alla trama, è il modo in cui la storia viene raccontata che conduce alla rievocazione di ricordi e di vissuti appartenenti alla tua esistenza. Tutto questo provoca il contatto con le tue emozioni, con il pianto, con uno stato d’animo simile a quello che i protagonisti vivono sullo schermo.
    L’arte di ascoltare ha gli stessi presupposti e lo stesso funzionamento. Ciò che gli altri dicono, richiama alla mente (e alla pancia) avvenimenti e situazioni personali, con annessi sentimenti ed emozioni. È importante saper riconoscere che tutto questo appartiene a te, fa parte di te e non può essere attribuito al tuo interlocutore.
  • Terzo ed ultimo punto: un buon ascolto migliora la comunicazione e le relazioni. Quando una persona si sente ascoltata, si apre più facilmente e tende ad avvicinarsi di più a te. In sintesi, si sente accolta. Di conseguenza, avrai l’opportunità di conoscere nuove persone, esplorare il loro mondo, condividere il tuo e costruire relazioni importanti e durature.

Dalla descrizione di questi benefici, mi sembra ovvio che se si vuole migliorare la qualità della vita occorre imparare ad ascoltare.
Pensa ad una situazione specifica in cui avevi bisogno di parlare con qualcuno e ti sei sfogato. Com’è stato per te avere l’opportunità di essere ascoltato?

Non è forse importante, dunque, imparare ad ascoltare?

Spero che questo articolo ti abbia spinto a iniziare un lavoro di allenamento all’ascolto. Nel prossimo post, ti darò 4 strategie pratiche per cominciare a lavorare realmente sulla tua capacità di ascoltare e migliorare di conseguenza le relazioni. Diventa un bravo Ascoltatore!
Puoi iscriverti alla Newsletter compilando il form qui accanto e sarò io stesso ad avvisarti quando sarà pubblicato!

Fino ad allora… un abbraccio!

Imparare ad Ascoltare – 3 buoni motivi per farlo ultima modifica: 2016-09-12T23:50:11+01:00 da Sebastiano Dato
Sebastiano Dato
Sebastiano Dato
Counselor di indirizzo Gestalt, Coach Professionista e Formatore. Aiuto le persone a sentirsi nel proprio posto nel mondo, accompagnandole in un percorso di scoperta delle loro potenzialità al servizio dei loro obiettivi.