Se non ti senti capito e riconosciuto, impara ad aprirti nel modo giusto

Tempo di lettura: 3 minuti

Per smettere di non essere capito, non dare per scontato che l'altro sappia leggere la tua mente.

Nel mio lavoro, infatti, capita spessissimo che un mio allievo mi dica di non sentirsi compreso dalle persone che ama.
Questo accade perché nutre si l’aspettativa che le persone a noi vicine sappiano cogliere al volo il nostro stato d’animo e le nostre intenzioni.

Solo non è ciò che succede, e l’aspettativa diventa delusione.

Indice e Concetti chiave

1:17 - Per sentirti compreso, inizia ad esporti

Soltanto condividere le tue emozioni e le tue intenzioni ti da la possibilità di farti comprendere.

Se osservi dall’esterno una tipica situazione in cui non ti senti capito, cosa vedi?
Prendi il punto di vista di una telecamera che riprende un film, e con carta e penna descrivi la scena senza giudizi e interpretazioni. Probabilmente ti sembrerà tutto un po’ più normale, proprio perché quella relazione si basa su ciò che viene esplicitato, non su ciò che rimane non detto.

7:07 - Quando ti apri, distingui tra contenuto e relazione

Non ti senti capito perché interpreti le incomprensioni con un punto di vista interno, basato sulle tue convinzioni e credenze che plasmano la lettura del mondo.

Distingui tra contenuto e relazione. Il contenuto, ovvero il cosa metti di tuo, solitamente è ciò che ti porta a interpretare l’incomprensione come tua responsabilità. “Non sono stato chiaro”, “Forse sono il problema”, “Magari devo dimostrare di più” sono frasi che tornano in mente in questi casi e che sabotano la tua autostima e il tuo benessere.

In realtà, il contenuto c’entra ben poco.

La cosa più importante per te è capire quale sia la tua intenzione sul piano della relazione. Qual è il bisogno reale?
Quando condividi col tuo partner una notizia che ritieni interessante, lo fai per sentire ringraziamenti e complimenti? Oppure ti piacerebbe un confronto su quella notizia, così da scambiare visioni comuni e diverse?

Quest’ultima esigenza di condivisione è quella che funziona di più per sentirsi riconosciuti. Puoi soddisfarla soltanto quando manifesti la tua necessità. Prova a chiedere “Che ne pensi?”, oppure “Come la vedi tu?” per attivare uno scambio.

11:40 - Accetta il fatto che non tutti sapranno comprenderti

È importantissimo accettare il fatto che ci si può sentire non capiti perché non tutti sono in grado di comprendere e riconoscere l’altro.

Sul contenuto, ciò avviene perché magari non c’è un punto di incontro sugli argomenti (a me ad esempio non piace il calcio, e se me ne parli tendo ad annoiarmi). Accetta che non tutti hanno i tuoi stessi interessi, anche nella tua coppia (del resto, anche questa è un’aspettativa, no?).

Sulla relazione, accade perché l’altro ha una sua storia personale. Il suo vissuto potrebbe portarlo a non vedere chi gli sta vicino, a non accorgersi di lui. L’accettazione è proprio il passo fondamentale per scegliere su quali relazioni investire: quelle in cui ti senti visto.

14:28 - Sospendi il giudizio e guida l'altro ad incontrarti

Se inizi ad aprirti nel modo che abbiamo visto, cominci a lasciare che l’altro ti raggiunga.

Tieni presente che avrà il suo modo nel farlo: a volte sarà impacciato, altre volte ci saranno incomprensioni. Sospendi il giudizio e abbandona le aspettative. Le persone hanno bisogno di essere guidate per imparare come entrare in contatto con te. Questo è il tuo compito.

In conclusione

Per sentirti visto, lasciati raggiungere e incontrare. Riuscirai a farlo nel momento in cui sceglierai di aprirti, pian piano e secondo la misura che ritieni comoda in quel momento.

A volte risulta difficile farlo da soli, a causa delle convinzioni che sabotano l’interpretazione di ciò che accade. Nel mio percorso, ti aiuto proprio in questo: ad avere autostima e affermarti nelle relazioni in un modo che ti faccia sentire in equilibrio, libero e sereno.

Se questo è ciò che vuoi raggiungere, dalla pagina dedicata puoi candidarti alla prima chiamata gratuita in cui capiamo se puoi intraprendere il percorso. Se così sarà, ti spiegherò nel dettaglio come funziona.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Sebastiano Dato

Sebastiano Dato

Ho già aiutato più di 100 persone a sbloccarsi e avere fiducia in sé stessi, per uscire dalla confusione, realizzarsi professionalmente e riequilibrare la propria vita.

Rispondi